News

L'intervista della settimana: Lorenzo Pietrangelo

"Da bambino sognavo di vestire la maglia biancazzurra"

La nostra redazione ha voluto, per questa settimana, puntare i fari sul portiere Lorenzo Pietrangelo. Il giovane “Lollo”, specialista para-rigori, si è raccontato ai nostri microfoni, ripercorrendo i suoi inizi e svelandoci  un sogno nel cassetto...

Allora Lorenzo, iniziamo facendo un tuffo nel passato: quando hai iniziato a tirare i primi calci al pallone?

Sin da piccolissimo adoravo giocare a pallone: a due o tre anni avevo già la palla fra i piedi. Sono cresciuto sognando di far diventare la mia passione un lavoro.

 

Hai iniziato subito a giocare come portiere?

No, innanzitutto  devo dire che ho iniziato a giocare a calcio e non a futsal e non fra i pali. Poi un giorno, a fine allenamento, anziché calciare i rigori assieme ai miei compagni, ho provato a mettermi dall’altra parte, scoprendo di cavarmela piùttosto bene.

Come e quando è avvenuto il passaggio dai campi di calcio ai parquet?

Dopo un torneo estivo al Palarigopiano ho capito di preferire il mondo del futsal e di voler proseguire la mia carriera sul parquet, sono fiero della mia scelta.

Nonostante la grande esperienza sei giovanissimo: Quanto ha inciso la tua famiglia fino ad ora nella tua carriera?

Il supporto della famiglia è importantissimo; io mi ritengo fortunato, la mia mi ha sempre sostenuto e incoraggiato. In particolare mio padre, grandissimo tifoso pescarese, è sempre stato presente nel migliori dei modi. La sua la definisco una presenzia silenziosa, mi è stato vicino senza mai alcuna pressione, senza mai essere invadente, mi ha sempre lasciato scegliere. Non mi stancherò mai di ringraziarlo.

Che cosa rappresenta per te la maglia biancazzurra?

Vestire la maglia del Pescara è sempre stato il mio sogno. Sono nato e cresciuto qui, far parte di questa società mi riempie di orgoglio.

Ti ispiri a qualcuno?

Non mi ispiro a nessuno in particolare, ma provo a prendere il meglio dai miei colleghi, mantenendo un mio stile personale.

Che rapporto hai con il tuo compagno di reparto Antonio Capuozzo e con il preparatore Luca Chiavaroli?

Un rapporto eccezionale. C’è un feeling straordinario che ci unisce: lavoriamo a stretto contatto quotidianamente aiutandoci a vicenda; entrambi hanno avuto un ruolo importante nella mia crescita fra i pali, faccio tesoro di ogni loro consiglio.

Ormai sei conosciuto da tutti come lo specialista para-rigori: c’è un segreto? Studi gli avversari o è solo merito del tuo intuito ?

Un mix fra i due aspetti. Spesso assieme al nostro preparatore studiamo meticolosamente i rigoristi ma credo che il mio intuito faccia tanto, è una dote naturale.

"Se non sei tormentato dopo aver fatto un errore, non sei un grande portiere”. Queste le parole di un numero 1 del passato Lev Yashin, portiere russo. Qual è il tuo stato d’animo dopo un errore?

Durante la gara non ci penso perché sarei condizionato. Sono molto critico con me stesso e a fine partita ripenso a quello che ho sbagliato. Il ruolo del portiere è delicato: noi siamo quelli a cui è concesso sbagliare meno. L’errore fa parte del gioco: credo che la differenza la faccia non tanto il non commettere errori, ma rialzarsi ed essere subito concentrati sulla prossima azione, sulla prossima parata.

Hai un sogno nel cassetto?

Mi piacerebbe vestire la maglia della nazionale. Sarebbe un grande traguardo. Ora penso solo a lavorare duro e a difendere la porta del Pescara, provando a migliorarmi giorno dopo giorno.

Grazie, Lorenzo.

Grazie a voi, Foza Pescara

 

DELFINI COMMUNICATION AND PRESS OFFICE

LUCA VISCONTI

Pubblicata da Luca Visconti in Maschile il2017-04-07 14:02:00

Altre news in Maschile.

  • Fiocco rosa in casa Pescara.

    Alle ore 10:40 del 22 Aprile 2017 presso l'Ospedale Civile Santo Spirito di Pescara e'...
  • Il Pescara chiude in bellezza: poker in trasferta a Napoli

    Il Pescara si impone al Palacercola battendo per 4 a 2 il Napoli e conclude la Regular Season...
  • Squalifica di Mauro Canal.

    L' ASD PESCARA prende atto della decisione del Tribunale Nazionale Antidoping, 1a Sezione,...
  • L'Intervista della settimana: Luca Leggiero

    Ci sono giocatori dal talento innato, dalla classe cristallina: quelli dei dribbling ubriacanti e...
  • L'intervista della settimana: Lorenzo Pietrangelo

    La nostra redazione ha voluto, per questa settimana, puntare i fari sul portiere Lorenzo...
  • I campioni biancazzurri premiati dal Sindaco di Pescara

    Per la società del Pescara C5 quello appena concluso è stato un...
  • 6-2 al Latina, ecco gli highlights

    Penultima gara della stagione regolare. Il Pescara regola senza troppi patemi il Latina grazie...
  • Delfino 6 bellissimo

    Il Pescara batte il Latina per 6 a 2  mantiene il primato ad una giornata dal temine...
  • Dopo la festa... riecco il Campionato

    Festeggiata doverosamente la storica accoppiata di Coppa Italia con  Under 21 e prima squadra,...
  • WeArePescara Speciale Coppa Italia

    Puntata interamente dedicata alla finale di Coppa Italia del nostro format. Le immagini...

LASCIA UN COMMENTO .

Under 21, ottavi play off scudetto: sconfitta casalinga contro l'Orte

Nel revival delle gare di Coppa Italia la spuntano i laziali

Fiocco rosa in casa Pescara.

Edar Schurtz di nuovo papà.

Sconfitte in casa dal Breganze le ragazze del Pescara

Andanta quarti playoff: Pescara Futsal - Breganze (1-1) 1-3.

Il Pescara chiude in bellezza: poker in trasferta a Napoli

I delfini chiudono al primo posto e ai quarti affronteranno il Latina

Trionfo degli Allievi, finale con "manita" all'Acqua&Sapone.

I ragazzi pescaresi dominano in lungo e in largo la gara, doppietta di Raimondi e Maccarone, chiude Lupinetti.